mercoledì 10 novembre 2010

A realistic fold and thrust in western Sicily


Cosa ci fa da in Sicilia una piega così grande ad asse sub-verticale? C'è dell'altro, nei dintorni?

Questo è quello che si vede, talora, aggirandosi tra gli affioramenti di quel settore. Se ci camminate sopra vedete poco o nulla e non ci capite (quasi) un tubo. Se invece osservate dall'alto con del materiale buono, e con un po' di pazienza e di meticolosità, si comincia a capire.
Se si facessero meno cartoni e più descrizione, scevra da pregiudizi ed alleggerita dai nomi assegnati da altri, forse si comincerebbe a capire ancor di più. Si avrebbe una visione, più vicina alla realtà osservabile.
Però, la conclusione che si otterrebbe seguendo il metodo dell'osservazione pura non potrebbe essere geologia ufficiale, certo. Nessun ufficiale, primo o di complemento, lo consentirebbe, almeno pubblicamente.
Ah, sì perché ogni cosa deve essere "a posto", come voscienza comanda. Non si possono negare i dogmi precedentemente pubblicati, altrimenti non potrebbero diventare ufficiali.

A risentirci...

Nessun commento: